lunedì 17 dicembre 2012

HRD Training Group di Roberto Re: se li conosci li eviti!!!


** Aggiungo questo mio commento dopo più di 3 anni da quando l'ho scritto: continuo a ricevere feedback tutt'oggi sull'esperienza Roberto Re, e tutti vanno nella stessa direzione, a testimonianza del fatto che poco o nulla è cambiato. Grazie a tutti per comunicare la vostra esperienza, che può essere utile a tante persone.

Vorrei raccontarvi in questo post la mia esperienza a proposito dei corsi formativi di Roberto Re, nello specifico del Programma F.L.Y.
Da tempo volevo frequentare un corso di formazione di questo genere.
Rimasi entusiasta di una conferenza a cui avevo assistito poco tempo prima di acquistare il corso: relatore un super manager che si era creato da solo.
All'uscita della conferenza i commerciali HRD - che sono anche i tutor dei corsi - avevano raccolto i miei dati per poi contattarmi e vendermi uno dei loro corsi.
Il nome di Roberto Re l'avevo già sentito e oltretutto me ne avevano parlato bene, come di una persona competente.
Accettai la super offerta che mi fecero: se firmi subito hai un bello sconto!
Questo è il primo particolare da tenere bene a mente: far firmare subito il contratto con la scusa dello sconto.
Il corso ha un prezzo decisamente alto, si parla di circa 2500 euro, non proprio una bazzecola di questi tempi.
Dura un anno, si è supportati da un tutor ... Ho pure lo sconto, ci sto,  firmo pensai e feci quel giorno.
Effettivamente i corsi hanno alcuni contenuti interessanti e, per chi riconosce valida la PNL, si può imparare alcuni dei cardini teorici frequentando i 7 seminari offerti nel corso.
Per il resto ... una totale fregatura!
Firmi il contratto, il primo seminario lo frequento subito, il secondo è dopo le vacanze estive.  Il contratto prevede che puoi recedere entro poco tempo, meno di quello che ti permetterebbe anche solo di mettere un po' di più il naso dentro la scatola.
Il contratto dice che - se non recedi - tutto quello che hai acquistato te lo tieni!
Compreso il corso di due giorni con il signor Re che puoi frequentare 8/9 mesi dopo. L'hai pagato ed è tuo. Non lo vuoi più? Cavoli tuoi!!!
Cambi idea il giorno dopo rispetto ai termini per recedere? Cavoli tuoi! Hai perso tutto.
Quando sei arrivato alla terza lezione non sopporti più il modo di parlare, tantomeno l'atteggiamento da "Dea scesa in terra" della ex-cubista che, dall'alto della sua terza media, parla in modo presuntuoso alla platea, ripetendo gli stessi concetti (3 in croce) per riempire le tre ore di lezione. Meno male che ti "regalano" alcuni DVD e un manualetto dove puoi imparare un po' di cose utili.
La tua tutor è laureata in Scienze della formazione, in psicologia? Ha una laurea diversa ma un master, un qualcosa che dimostri che è competente in materia? Assolutamente no!!!
Ma Roberto Re probabilmente sarebbe capace di risponderti - con la sua simpatica parlantina - che non è assolutamente necessario tutto ciò, che quello che conta è il carattere e la tenacia con cui ti poni e raggiungi gli obiettivi prefissati. Ovviamente imparando e facendo tuoi i comandamenti che il formatore romagnolo ha sminuzzato dalla PNL e impacchettato in un formato adatto a tutti. Ecco, l'ho detta, questa è la frase più ripetuta durante gli incontri. E' come un mantra, te la ripetono fino a che non rincretinisci, fino a che non hai nient'altro nel cervello se non quello: raggiungere gli obiettivi, raggiungere gli obiettivi, raggiungere gli obiettivi.
Quali sono gli obiettivi di HRD?
Loro dicono: aiutare l'umanità! Che bello, anche i frati francescani - tra i tanti - lo fanno. Aggratis.
Obiettivo reale: fare soldi, soldi, soldi, soldi, soldi!
HRD e lo staff di Roberto Re è una MACCHINA DA SOLDI, che fa leva sulla debolezza della gente per venderle tutti i corsi possibili ed immaginabili che a detta loro, servirebbero per farti stare meglio e raggiungere i tuoi obiettivi.
Un po' come fanno le case farmaceutiche con i farmaci che cercano di farti compare per risolvere i tuoi problemi di salute.
La differenza? I farmaci costano x euro, se non funzionano non li compri più.
I corsi di Roberto Re li paghi migliaia di euro e se non ti piacciono, ripeto: cavoli tuoi! Hai pagato e i soldi non li rivedrai mai più!
Che schifezza!
Consiglio? Scappate a gambe levate se incontrate i testimoni di Geova ... emmm ... i commerciali-tutor di HRD. Scappate e comunicate ai vostri amici queste cose!

giovedì 29 settembre 2011

Relativismo ismo ismo ismo


Viviamo nell'epoca del "relativismo assoluto", che già di per sè suona piuttosto curioso.
Le parole d'ordine nella bocca di ogni cittadino evoluto sono flessibilità, cambio di prospettiva, lotta ai dogmi.
Sembrerebbe tutto corretto se non fosse che dietro a questi nemici da combattere ci siano molto spesso dei valori, della saggezza importante e da difendere.
Cos'è la rigidità? Nella testa dei relativisti è il prendere una posizione ferma su un argomento e non cambiarla.
Certo, a scatola chiusa, si può giudicare negativamente la rigidità. Ma se si entra nella questione e si cerca di capire meglio, può capitare che dietro a questo mostro ci siano dei valori importantantissimi, che questa gente ha perduto di vista: la rettitudine, la coerenza, la radicalità nel cercare il bene più grande.
Sarà colpa del tutto e subito? Della mancanza di obiettivi di lungo periodo? Del senso che si dà alle cose, alla vita?
E' tutto relativo.
Di questi tempi Carnage è un film che ne coglie tanti tragici aspetti.

mercoledì 15 giugno 2011

Expedia

sabato 30 ottobre 2010

Vogliamo abolire i privilegi, la casta si oppone

http://www.italiadeivalori.it
La Camera boccia la proposta idv di abolire il vitalizio per i deputati in carica e quelli cessati. Si potevano risparmiare 150 milioni di euro all'anno, ed eliminare un incomprensibile privilegio che allontana il Paese reale dalle istituzioni e la casta. L'intervento dell'onorevole Antonio Borghesi e il successivo voto della Camera.

Balla il bunga bunga!

Mentre l'Italia è sempre più alle pezze da qualsiasi punto di vista, il nostro amatissimo presidente balla il BUNGA BUNGA :) E quando entra il Parlamento ha in testa solamente la riforma per devastare ancora di più la giustizia.

Ma si, ridiamoci sopra, cantiamoci sopra, balliamo anche noi il bunga bunga e soprattutto continuiamo a votarlo!!

Mi raccomdando, prossime elezioni, votate Berlusconi!! Niente scherzi, eeeeh?

Poi andiamo tutti insieme in piazza dal Papa ad ascoltare che "l'amore è ridotto a merce di scambio, da consumare senza rispetto di se stessi e degli altri. Così è molto amore proposto dai media e da internet. È egoismo, chiusura, illusione di un momento, qualcosa che vi lega come una catena, qualcosa che soffoca il pensiero e quella forza insopprimibile che è l'amore vero che, certo, costa anche sacrificio. Voi non potete e non dovete adattarvi a un amore ridotto a merce di scambio, da consumare senza rispetto per sé e per gli altri, incapace di castità e di purezza: questa non è libertà»"









venerdì 30 luglio 2010

"Faremo un processo a chi ci vuole processare"

Chissà se saremo costretti ancora una volta a ringraziare ... o passeremo ad altre modalità?

ilfattoquotidiano.it, 30 luglio 2010

Governo Gomorra


Mesi durissimi attendono il Paese. Come potete leggere nei servizi de ilfattoquotidiano.it,Silvio Berlusconi gioca il tutto per tutto e adesso sogna di varare un governo in stile Gomorra. Il problema del Cavaliere, anche se la maggior parte dei commentatori sedicenti liberali continua a far finta di non accorgersene, è sempre lo stesso: la giustizia. Anzi, le inchieste e i processi. Che coinvolgono lui e i suoi amici.

La decisione della Corte costituzionale di fissare per il 14 dicembre l’udienza in cui verrà discussa la legge sul legittimo impedimento lo ha spinto così a rompere gli indugi, a perdere ogni freno inibitorio, e a iniziare un furioso corteggiamento a parlamentari di opposizione, alcuni dei quali francamente impresentabili. È prevedibile infatti che la Consulta, dopo aver visto una serie di suoi membri restare indirettamente coinvolti nello scandalo della nuova P2, ci metterà pochissimo a dichiarare quello che tutti sanno e che anche il Quirinale avrebbe fatto meglio a sapere: le norme che evitano al premier e ai suoi ministri di essere processati durante la durata del loro mandato sono palesemente incostituzionali.

La prospettiva per Berlusconi è insomma quella di finire molto presto davanti al Tribunale di Milano per rispondere della presunta corruzione dell’avvocato inglese David Mills. Anzi della certa corruzione di Mills, visto che il legale, come ha stabilito la Cassazione, ha sicuramente incassato mazzette per dire il falso davanti ai giudici (e salvare il premier da una condanna nel processo per le vecchie tangenti alla Guardia di Finanza).

Berlusconi sa benissimo che nel momento in cui dovesse ricominciare il suo dibattimento si arriverebbe a una sentenza nel giro di poche settimane. Il fatto storico è già stato accertato (i 600mila dollari dati a Mills e la testimonianza taroccata in favore del Cavaliere). E resta solo da stabilire se tra le prove raccolte ci siano abbastanza elementi per condannare come corruttore il leader del Popolo della Libertà (a questo punto provvisoria).

Una brutta situazione, insomma. Anche perché proprio le indagini sulla nuova P2 hanno fatto saltare, o reso incerte, le amicizie su cui il Cavaliere sperava di poter contare nella magistratura meneghina.

Di qui l’idea, partorita non adesso, ma alcuni mesi fa, di trovare una sponda in quella parte di Udc che si riconosce in Totò Cuffaro, l’ex governatore siciliano condannato in primo e secondo grado per favoreggiamento aggravato alla mafia e sulla testa del quale pende ora anche una richiesta di 10 anni di pena per concorso esterno in associazione mafiosa.

L’operazione, come il fattoquotidiano.it è in grado di rivelare, è cominciata quando Cuffaro ha dato il suo assenso al passaggio di molti suoi fedelissimi nelle file della nuova Democrazia Cristianadel sottosegretario all’Istruzione, Giuseppe Pizza, un vecchio arnese della prima repubblica legato agli ambienti più svariati.

Come ha scritto a suo tempo L’Espresso una parte consistente delle tessere della Dc fanno però capo al braccio destro di Berlusconi, Marcello Dell’Utri, condannato in secondo grado a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. E così il disegno di Berlusconi diventa evidente. Anche se Cuffaro e Beppe Drago – l’altro leader dell’Udc siciliana corteggiato dal premier – adesso smentiscono un passaggio dai banchi dell’opposizione a quelli della maggioranza (cosa altro potrebbero fare?).

Il Cavaliere vuole trovare in Parlamento i numeri sufficienti per garantire l’approvazione anche alla Camera della cosiddetta norma sul processo breve (quella che prevede di far morire tutti i dibattimenti che non vengono conclusi nel giro in lasso di tempo prestabilito). Non per niente proprio oggi il capogruppo Pdl nella commissione Giustizia di Montecitorio, Enrico Costa, ha chiesto che l’esame del processo breve venisse immediatamente calendarizzato in settembre alla ripresa dei lavori.

Ma con 33 deputati già passati a Fini, per Berlusconi è molto difficile credere di riuscire a votare la legge senza rischiare ogni giorno improvvisi rovesci. Di qui la manovra per arrivare a Cuffaro e una dozzina di parlamentari calabresi, siciliani e campani a lui legati. Tutti parlamentari da aggiungere a vari esponenti del gruppo misto e del centrosinistra, come Daniela Melchiorre o Riccardo Villari, già in procinto di cambiare casacca.

Il Cavaliere ingolosisce tutti non solo con l’offerta di posti e prebende. Ma anche con la promessa (molto gradita alle varie cricche d’Italia) di costituire una commissione d’inchiesta parlamentare sull’uso politico della giustizia. Una commissione che, come scrive oggi Repubblica, avrà gli stessi poteri dell’autorità giudiziaria. “Faremo un processo a chi ci vuole processare”, avrebbe detto – secondo il quotidiano – un falco del Pdl.

Se Berlusconi ce la fa, insomma, il Paese va verso una governo Gomorra. Con una maggioranza sostenuta da pregiudicati, indagati e condannati – in primo e secondo grado – per fatti di mafia (Cosentino, Dell’Utri e Cuffaro) e politici sotto inchiesta per mazzette e ricostituzione di associazioni segrete. Tutti uniti da un solo obbiettivo: farla franca. Per sempre.

Ferrara minaccia una giornalista de l’Unità per salvare Verdini dalle domande

Il PDL sta andando a rotoli e con esso i dementi giornalisti venduti...dove andranno a posare ora la loro lingua se i culi dei politici da loro difesi non poggerano più sul cadreghino? Nel frattempo si danno a scene di demenza insopportabile...

da "ilfattoquotidiano.it", 28 luglio 2010

Mentre il coordinatore del Pdl con fare intimidatorio chiede dove è la cronista giudiziaria del Corriere della Sera, Fiorenza Sarzanini Basta una domanda precisa per far perdere la testa ai giannizzeri di Silvio Berlusconi. Durante la conferenza stampa convocata da Denis Verdini la collega dell’Unità, Claudia Fusani, chiede al coordinatore del Pdl di spiegare il giro di assegni che gli è stato contestato, tra l’altro, dai pm romani. La cronista vorrebbe per risposta dei dettagli precisi, ma dalla prima fila si alza Giorgio Stracquadanio, deputato del Pdl, e l’attacca: “Signora sta dicendo una montagna di cazzate”. Pronta la replica di Fusani: “Le cazzate le dirà lei, tenga a posto le parole”. E fa per ripetere la domanda a Verdini. Ma subito interviene strillando e avanzando da dietro lo spazio riservato alle telecamere, il direttore de Il Foglio ed ex ministro del primo governo Berlusconi, Giuliano Ferrara: “Adesso basta – grida alzandosi in piedi – perché non chiedete a lei come mai è passata da Repubblica all’Unità in condizioni ancora da chiarire. La Fusani – attacca Ferrara – che dà lezioni di moralità. Siamo in uno Stato di polizia”. Un chiaro riferimento ad alcune telefonate professionali intercettate dalla procura di Milano tra la cronista dell‘Unità e Pio Pompa, il braccio destro dell’ex direttore del Sismi, Niccolò Pollari. Pompa, che ha patteggiato una condanna per favoreggiamento, oggi è un collaboratore del quotidiano guidato da Ferrara. Evidente quindi il tentativo di confondere le acque minacciando la giornalista. Neanche troppo velatamente.

Straquadanio fa quasi di più. Subito dopo l’aggressione di Ferrara si avvicina al palco e, come hanno potuto ascoltare i cronisti de ilfattoquotidiano.it, si rivolge a uno dei presenti e sibila: “Una così nel mio giornale l’avrei cacciata subito a calci”. Forse anche perché Il Predellino, il quotidiano on line diretto da Straquadanio, non è certo celebre per porre interrogativi scomodi.

Ma il mirino delle truppe pidielline oltre alla Fusani punta anche Fiorenza Sarzanini, cronista giudiziaria del Corriere della Sera e membro dell’esecutivo dell’Ordine nazionale dei giornalisti. “Dove è la Sarzanini? Ma la Sarzanini non c’è? Che scrive quei bellissimi pezzi. Non c’è?” ripete Verdini frugando con lo sguardo tra i giornalisti presenti alla conferenza. “Ma come, non c’è? Scrive di me, si occupa di me. Sono offeso…. Dottoressa Sarzanini c’è o no? Ditele che mi dispiace”.

Finita lo show del coordinatore del Pdl, Stracquadanio annuncia che si rivolgerà all’ordine dei giornalisti perché “riesamini come mai una persona (Fusani, ndr) tanto ignorante abbia superato l’esame o se sia stata raccomanda e per quali meriti. Senza tralasciare il fatto che la giornalista Fusani è stata licenziata da Repubblica (la Fusani non è stata licenziata da La Repubblica, ndr) e invece di venire radiata dall’ordine come avrebbe meritato, è stata assunta da l’Unità”.

All’ordine dei giornalisti si rivolgerà anche Massimo Donadi, capogruppo dell’Idv alla Camera, ma in difesa della Fusani. “La nostra solidarietà alla giornalista Fusani, aggredita nel corso della conferenza stampa. Questo episodio dimostra quale sia la considerazione per la libertà di stampa di certa gente. Ripetiamo la domanda a Verdini: a cosa servivano quei soldi?”, afferma Donadi. Alla cronista arriva poi la solidarietà della Federazione nazionale della stampa che, in una nota, invita Stracquadanio “ad abituarsi a sentirsi chiedere conto di quanto della loro attività non riescono a rendere chiaro e, talvolta, addirittura risulta coperto da dense nubi”. La Fnsi giudica il comportamento del deputato Pdl “un insulto intollerabile. Neanche la sua condizione di parlamentare gli consente di esprimersi in quel modo, in dispregio di ogni buona regola non solo della civiltà giuridica e liberale ma anche della deontologia di un uomo pubblico. A maggior ragione trattandosi di un giornalista, come l’onorevole Stracquadanio ha voluto essere, risultando, dal 1995 pubblicista iscritto all’ordine di Milano”. Ma il sindacato dei giornalisti ne ha anche per Ferrara. “Ancora più penoso l’intervento del direttore del Foglio, sollevatosi a sua volta a mettere in dubbio le scelte professionali della collega con grida sibilline tipiche da uomo del circo politico. Un pessimo spettacolo, non il primo del genere”. La Fnsi, conclude la nota auspicando una “reazione collettiva”.

Anche il quotidiano La Repubblica, inviando un messaggio di solidarietà alla cronista, commenta l’atteggiamento di Ferrara. “Stupisce che un giornalista come Ferrara abbia così duramente attaccato la collega che poneva legittime domande a Verdini. Stupisce soprattutto che tiri in ballo questioni morali inesistenti, riferendosi al passaggio da Repubblica all’Unità della giornalista, tentando così, per evitare a Verdini quesiti scomodi, di adombrare aspetti poco trasparenti in una vicenda che invece non ha ombre”.

venerdì 16 luglio 2010

Classe dirigente (ringraziamo sempre gli italiani responsabili di questo sfacelo: continuate così!)


Riporto integralmente l'articolo di Marco Travaglio, apparso su http://www.ilfattoquotidiano.it in data odierna.
Non ha bisogno di commenti...

Classe digerente

Ricapitolando. Il premier B. ha due processi per frode fiscale e appropriazione indebita, uno per corruzione giudiziaria e un’indagine per minaccia a corpo dello Stato, senza contare prescrizioni, reati depenalizzati (da lui), amnistie, insufficienze di prove, le archiviazioni per decorrenza termini. Il suo braccio destro Previti è un pregiudicato per due corruzioni giudiziarie. Il suo braccio sinistroDell’Utri è un pregiudicato per false fatture e frode fiscale, poi ha una condanna in appello per mafia, un processo per estorsione mafiosa, uno per calunnia pluriaggravata e un’inchiesta per associazione segreta (la P3). Il suo coordinatore Verdini è indagato per corruzione e P3. Il suo vicecoordinatore Abelli l’hanno appena beccato a prender voti dalla ‘ndrangheta. I suoi ministriMatteoli e Fitto sono a processo, l’uno per favoreggiamento, l’altro per corruzione. Altri due,Bossi e Maroni, già pregiudicati.

Fra i sottosegretari, Letta e Bertolaso sono indagati, Brancher è imputato, Cosentino ha un mandato di cattura per camorra e i pm di Roma stanno valutando la posizione del viceministro della Giustizia Caliendo, detto “Giacomino” dai compari di P3. Questo governo-lombrosario gode della piena fiducia (35 volte in due anni) del Parlamento, e ci mancherebbe: lì siedono 24 pregiudicati e 90 fra imputati, indagati, prescritti e condannati provvisori. Anche al Parlamento europeo ci rappresentano condannati (Patriciello, Borghezio, Bonsignore) e indagati (tipo Mastella). In omaggio al federalismo penale, frequentano assiduamente procure e tribunali un bel po’ di sindaci: dalla Moratti (indagata per smog e abuso) a Tosi e Gentilini (condannati per razzismo), da De Luca (imputato per associazione per delinquere, concussione, truffa, falso) a Cammarata(inquisito per abuso). E sono indagati cinque governatori regionali su 20: Formigoni (smog),Lombardo (mafia e abuso), Scopelliti (imputato per omissione d’atti d’ufficio e di recente beccato a cena col boss), De Filippo (favoreggiamento), Iorio (concussione e abuso). L’ex governatore siciliano Cuffaro, condannato in appello a 7 anni per favoreggiamento mafioso, è imputato per concorso esterno e il pm ha appena chiesto per lui altri 10 anni di galera. I vertici della Protezione civile vagano fra l’ora d’aria e i domiciliari. Indagati pure il cardinale Sepe e un paio di gentiluomini di Sua Santità.

L’erede al trono Vittorio Emanuele di Savoia è imputato per associazione a delinquere. Ottimi anche due presidenti emeriti della Corte costituzionale: Mirabelli era intimo del faccendierePasqualino Lombardi; Baldassarre è indagato per millantato credito. L’ex governatore di Bankitalia, Antonio Fazio, è sotto processo per l’aggiotaggio delle scalate bancarie. Ben piazzato il Gotha di Confindustria, col gruppo della presidente Marcegaglia che ha patteggiato per corruzione e il padre della Emma, Steno, fresco indagato per smaltimento illegale di rifiuti tossici. Il gruppo Fiat-Agnelli sfila in tribunale con Gabetti e Grande Stevens, la Telecom modelloTronchetti con gli spioni della Security, e poi Fastweb, Parmalat, Finmeccanica, Unipol, Impregilo, Ligresti, Geronzi… Ottime le performance di forze dell’ordine e servizi segreti: il Sismi di Pollari & Pompa alla sbarra per i dossier illeciti; il capo del Dis, De Gennaro, condannato in appello a 16 mesi per istigazione alla falsa testimonianza sui pestaggi del G8, per i quali hanno collezionato 73 condanne fra dirigenti e agenti della Polizia; una dozzina di 007 indagati per i depistaggi sulle stragi; l’ex comandante della Gdf, Speciale, ha rimediato in appello 18 mesi per peculato; il comandante del Ros, generale Ganzer, s’è appena guadagnato 14 anni in primo grado per traffico internazionale di droga, mentre il predecessore Mori è imputato per favoreggiamento aProvenzano e indagato perché ai tempi delle stragi trattava con Cosa Nostra, infatti godono entrambi della “piena fiducia” del governo, e anche del Pd. Ma noi, dico noi miseri incensurati, dove abbiamo sbagliato?

lunedì 12 luglio 2010

L'ideologia è il problema numero uno.



Più vado avanti, con gli aperti e attenti, e più che mai vedo nelle persone un nesso tra salute mentale e scelte politiche, tra scompensi psicologici e vicinanza ad ideologie che distorcono la realtà.
Purtroppo vedo nell'ideologia religiosa una delle più pericolose fonti di divisione nel mondo, perchè in primis divide l'uomo in se stesso, mettendo in conflitto le sue due anime, quella razionale e quella emotiva.
Ma non solo: è nemica del senso critico, della logicità, dell'armonia, puntando unicamente a produrre seguaci inebetiti, pronti a difendere a spada tratta una serie di dogmi che difficilmente sono messi in discussione per la loro connessione con scenari di male/sofferenza/punizione o bene/gioia/piacere INFINITI.

sabato 3 luglio 2010

I cristiani di destra :)

La vicenda dell'onorevole Zaccai (perchè merita veramente un sacco di onore uno come lui!!!!) oltre che a far scompisciare dalle risate, può essere vista come l'ennesimo putrido esempio di come sono i politici berlusconiani (un grazie sincero agli italiani che lo votano!!!).
Il sito internet dell'onorevolissimo Zaccai non ci dice in modo esplicito come la pensa, robe del tipo "io credo che bla bla bla bla...". Ci racconta piuttosto di quanto è onorevole questo onorevole (un po' di spacciamento...), di quanto è figo, del fatto che è stato socio fondatore della fondazione I Cavalieri di Anco Marzio che opera in ambito Cattolico e poi, attraverso le foto, capiamo quanto la sua politica sia legata ai valori della famiglia e del cattolicesimo: foto con la nipote, foto del matrimonio, foto con il prete,addirittura 2 con il Papa, foto con scritto "Roma centro della cristianità"!!!!!!!!!!!!!!!!!
Insomma,non un politico qualunque,di sinistra o centro o destra, ma un politico TUTTO CASA E CHIESA!!!!!!!
Dal suo sito, per l'appunto:








Questo il suo lato PUBBLICO, la facciata esterna, quello che devono vedere gli elettori, quello che poi credono certi elettori e son pronti a difendere fino alla morte (in croce).
Agli elettori di destra non solo è sufficiente fidarsi del lato pubblico, esteriore, molto spesso finto dei politici; è un dovere! Chi è veramente la persona a loro non deve interessare! Reato contro la privicy, o forse contro il rischio di farsi giudicare troppo facilmente come IPOCRITI.
Il caro Zaccai, l'altra sera, per confermare quanto intellettualmente profondo e per giunta corretto era il giudizio di alcuni politici di destra ("per la destra le escort, per la sinistra i trans") ha dato il meglio di sè e della sua cattolicità!
"Pier Paolo Zaccai, il consigliere provinciale di Roma ricoverato al Grassi di Ostia dopo un festino a base di droga e trans, ha gia' lasciato l'ospedale, dove e' stato medicato per una contusione al ginocchio. A quanto si apprende da fonti sanitarie, Zaccai non e' stato sottoposto a test tossicologici, che richiedono il consenso del paziente.
Il politico del Pdl era stato soccorso dalla guardia medica psichiatrica allertata dalla polizia e portato nella notte all'ospedale di Ostia in ricovero coatto, dopo una sedazione. Si ipotizza che Zaccai abbia assunto sostanze stupefacenti.
A svelare il retroscena della vicenda sarebbe stato uno dei trans, che ha riferito l'accaduto alle forze dell'ordine. Il consigliere, infatti, si sarebbe affacciato in uno stato confusionale dal balcone della casa nella quale si stava svolgendo il festino - sembra di proprieta' del transessuale e in zona San Giovanni - urlando frasi sconnesse e improvvisando un comizio.
Secondo quanto raccontato alle forze dell'ordine da uno dei partecipanti al festino, l'uomo politico non sarebbe stato portato in ambulanza, ma sarebbe stato accompagnato all'ospedale da alcuni conoscenti. Sulla vicenda indaga la polizia. (...) Durante le urla, chi ha assistito alla scena, ricorda di aver visto "quattro o cinque trans scappare dal palazzo". Molti spiegano che Zaccai "sembrava vaneggiare, dicendo frasi sconnesse." [dal sito RaiNews24].

E' vero, ognuno vive la sua cattolicità nel modo migliore che crede, e sarebbe ingiusto giudicare il povero Zaccai. Anzi, qualunque parola suonerebbe come "odio" tipico dei comunisti, propaganda rossa e chi più ne ha più ne metta. Ed in più, invece di produrre un esame di coscienza, produrebbe il solito BECERO lavoro di ricerca di politici di sinistra anch'essi beccati in festini con trans o anche solo con un paio di cannoni.
Quasi noi la difendessimo a spada tratta la spazzatura!

sabato 19 giugno 2010

Italia come Birmania - Di Pietro - Corriere della Sera - D'Adamo - Berlusconi - Casini e Santa Maria Goretti

Se un prete intelligente, durante un'omelia, o un illuminato pastore protestante, nel corso di uno dei sermoni domenicali, dovessero commentare i fatti descritti nel video qui sotto presentato, non esiterebbero a tirare in causa Satana e a personificarlo in vari dei personaggi, tra cui ovviamente Berlusconi, che vi compaiono qua è là.
Ma l'intelligenza e l'illuminazione, purtroppo, sono doti rare e quando esistono sono normalmente coperte, anzi, sotterrate da un'insopportabile ed irrazionale...(come chiamarla? Paura? Diplomaticità? Moderatezza? Io direi semplicemente) demenza tipica degli ambienti religiosi conservatori.
Demenza che, fortunatamente, non appartiene a preti come il Don Farinella visto precedentemente: uno su un milione...

L'ITALIA AL CONTRARIO


"IMPUTATO? PROMOSSO MINISTRO. EVASORI? LA MORATTI LI FESTEGGIA. CONVOCATO DAI PM? ISPEZIONE SUBITO."
La delinquenza eretta a sistema festeggia ogni giorno i suoi traguardi deliranti, sorretta da schiere di delinquenti, vandali, teppisti e presunti cattolici, tutti uniti insieme da un unico scopo: fare i propri interessi a tutti costi, passando sopra a tutto e a tutti.

Informati su "Il Fatto".

Ciò che il governo non racconta