martedì 11 settembre 2007

V-day


Ero in vacanza a prendere il sole e purtroppo ho mancato al V-day.
Un certo topozozo scrive: "Non vorrei diventare monotono, ma ieri sera il TG1 mi è sembrato davvero preoccupante.
Per tutto il giornale ha regnato un ostinato silenzio sul V-day di Beppe Grillo, a parte qualche inevitabile riflesso nelle recenti dichiarazioni di alcuni politici (tra cui quelle di Casini e Bertinotti, peraltro riferite dalla conduttrice).
Mi sembra quasi grottesco che il primo telegiornale nazionale ignori deliberatamente quello che, nel bene o nel male, è stato un evento di rilievo accaduto nel panorama politico-sociale italiano. E dire che il TG1, come tanti altri notiziari, è sempre pronto a nutrirsi di qualsiasi fatterello, anche il più insignificante.
Tanto per fare un esempio, sempre nell'edizione delle 20 di ieri un servizio si è occupato dei risultati di un sondaggio sulle 50 automobili più brutte del mondo. In altre parole, un giornalista ha imbastito un intero servizio su una banalissima notiziola pescata in rete, rivestendola poi con qualche immagine di repertorio e parlandoci sopra con inconsistente ironia. Un approccio discutibile all'informazione, peccato che su RaiUno questo capiti quasi ogni giorno. Probabilmente è questo il Servizio Pubblico 2.0 secondo Riotta.
Come se non bastasse, nella stessa edizione è stato propinato ai telespettatori un servizio sul testamento di Pavarotti e sulla conseguente spartizione del patrimonio, con tanto di previsioni su imminenti guerre tra eredi e lezioncina di un notaio sui meccanismi che regolano la successione. L'ennesimo esempio di buon gusto e serietà giornalistica.
Forse si stava meglio ai tempi di Mimun, in ogni caso urge correre ai ripari: nei prossimi giorni raccomando astinenza completa dal TG1 e consiglio frequenti approvvigionamenti presso fonti informative diverse, pulite, magari scomode, possibilmente indipendenti."

Come dargli torto?
Se non siete mai stati, o se ve lo siete dimenticato, il sito (blog) di Beppe Grillo è raggiungibile qui.

Nessun commento: